The Roadery Motorcycle Touring Company


 

Song  “Mountain” by John Wayne Bro

Info: http://theroadery.com/

Little Wing


Written by Jimi Hendrix

Well, she’s walking through the clouds
with a circus mind
that’s running wild.
Butterflies and zebras and moonbeams
and fairy tales,
That’s all she ever thinks about…
Riding the wind.
When I’m sad she comes to me
with a thousand smiles
she gives to me free
It’s alright,
it’s alright,
she says,
Take anything you want from me,
anything,
Fly on, little wing

***

Guarda, sta passando tra le nuvole
Con uno spirito funambolo che corre sfrenato
Farfalle e zebre e raggi di luna e storie di fate
Questo da sempre il mondo dei suoi pensieri
Cavalcando con il vento
Quando sono triste lei viene da me
A regalarmi mille sorrisi
Va tutto bene, dice, va tutto bene
Prendi da me tutto quello che vuoi
Qualsiasi cosa, qualsiasi cosa
Vola Piccola Ala
Sì, sì sì sì baby.

***

Mi spiace per la qualità del video,
ma questa della Royal Albert Hall fu un’esibizione mitica.

Buon Ascolto

Telanera – Qualcosa di Migliore


Con grande piacere raccolgo l’invito del mio amico GianLupo, cantante dei Telanera, non ché gran brucia padelle (come lo chiamo io) e pubblico il loro ultimo lavoro, completamente autoprodotto e girato (come scritto nelle note del video) interamente nel loro Box, che dire?
Grandi ragazzi e complimenti!

…In culo alla balena, un giorno arriverà qualcosa di migliore!!!

FINALMENTE!!! È CON GRANDISSIMO ORGOGLIO CHE PUBBLICHIAMO IL FRUTTO DEL NOSTRO LAVORO! CI ABBIAMO MESSO PARECCHIO, MA FINALMENTE È QUI! GRAZIE AI RAGAZZI DELLA MOVIE ROUND PRODUCTION, CHE HANNO FATTO UN GRANDISSIMO LAVORO. QUESTO VIDEO È LA DIMOSTRAZIONE CHE SE SI HA LA PASSIONE PER UN PROGETTO, NON SERVONO SOLDI, MA SOLO TANTA VOLONTÀ E PAZIENZA! ASPETTIAMO I VOSTRI COMMENTI E LE VOSTRE CRITICHE, E SE VI PIACE, MA SOLO SE VERAMENTE VI PIACE, CONDIVIDETELO, FATELO GIRARE IL PIÙ POSSIBILE, PERCHÈ È ANCHE GRAZIE A VOI CHE IL NOSTRO PROGETTO PUÒ ANDARE AVANTI! SIGNORE E SIGNORI…QUALCOSA DI MIGLIORE

GianLupo Fanera (Telanera)

Official website:http://www.myspace.com/telanera

YouTube: https://www.youtube.com/user/TelaneraBand

Piercarlino


E’ sempre così, tu stravaccata a letto,
io a fa’ nottata, ar freddo, giù de sotto,
pe’ colpa de ‘sto cane maledetto,
che si nun scenne caca ner salotto.
Mo’ poi vo’ fa’ le corse nel viale
insieme a me, chi perde è ‘n animale!
A vorte incontro gente e me vergogno
ma si nun coro lui nun fa er bisogno.
Quanno je scappa è sempre mattinata,
l’avesse mai ‘na vorta anticipata.
Spacca er minuto, ar primo chiaro ‘n cielo,
pare che c’ha la sveja sotto ar culo.
E chi se lo scorda er compleanno tuo
“Comprami un cagnolino amore mio!
Gli starò dietro, hai la parola mia!”
Sei stata dietro a li mortaccia tua.
Da quanno ‘st’animale s’e accasato
nun ho dormito otto ore de filato
e si consideramo che c’ha ‘n anno
secondo te quanno ripijio sonno?
Fra dieci, dodic’anni, quanno more?
E ner frattempo dovrei pure core?
No, prima de fa’ sta fine io t’ammollo,
che c’hai ‘n gelone ar posto der cervello?
Me casca ‘n po’ de cenere per tera
e in du’ minuti fai scoppià la guera.
Vomita er cane sopra li cuscini,
“Povero amore, ha male agli intestini!”
“Che cosa avrà mangiato giù al viale?”
Le palle de mi’ nonno cor caviale!
Io che ne so che magna st ‘imbecille,
e che me frega a me si c’ha le bolle!
Me frega più che da quasi ‘n annetto
me chiamano “Er frocione cor cagnetto”.
Co’ tutti quei riccetti, quer nastrino,
quer nome che j’hai dato: “Piercarlino”
Ma poi chiamallo un cane “Piercarlino”
senza fa ‘nsospettì chi t’è vicino?
Co tanti nomi adesso che ce penso,
potevi, che ne so? …chiamallo, “Stronzo”
Come perché? Perché nun c’ha mai sonno,
perché me fa venì sempre l’affanno…
Stronzo perché nun me fa più dormire,
stronzo perché nun caca si nun core…
È lungo un palmo, alto mezzo sordo,
e fa’ casino più de ‘n Sanbernardo!
Ch’è maschio poi c’è ancora d’accertallo,
nun j’ho mai visto l’ombra de ‘n pisello
ne’ fra li peli ‘n mezzo a le gambette
je so spuntate mai due-tre-pallette.
Considera che quanno l’ho comprato
lo odiavo già e nun me so interessato.
Hai fatto tutto te; “Com’è carino…
è maschio! … Lo chiamiamo Piercarlino!”
“Sono la tua mammina, Piercarlino
e questo qui sarà sarà il tuo paparino,
caro il mio cagnolino … che bel pelo…”
E paparino, ce l’ha avuto ‘n culo!
Giù ar viale, pe’ accertamme der suo sesso,
je stavo a mette ‘n po’ le mani addosso;
me sento sfotte’ da ‘n amico mio:
“Je voi da’ ‘n bacio! Te lo reggo io!”
Capito come me so’ sputtanato?
Mo pure frocio! E no, me ‘so stufato,
domani notte me ne resto a letto
er cane se cacasse pure sotto!
Pisciasse sui divani ner salotto,
svejasse quelli dell’interno 8,
morisse de cimuro tutt’a ‘n botto.
Mica posso annà avanti a fa’ ‘sta vita!
Ecco la morte, la porpetta avvelenata!
Queste so’ idee ma tocca realizzalle,
‘sto zozzo me lo levo dalle palle.
Già piagni eh, sei distrutta dar dolore?
Te immagini si Piercarlino more?
Carma, ma la porpetta s’ha da fare
perché si tu voi er cane ar posto mio
me faccio ‘n culo e me la magno io.

Franco Califano