Piercarlino


E’ sempre così, tu stravaccata a letto,
io a fa’ nottata, ar freddo, giù de sotto,
pe’ colpa de ‘sto cane maledetto,
che si nun scenne caca ner salotto.
Mo’ poi vo’ fa’ le corse nel viale
insieme a me, chi perde è ‘n animale!
A vorte incontro gente e me vergogno
ma si nun coro lui nun fa er bisogno.
Quanno je scappa è sempre mattinata,
l’avesse mai ‘na vorta anticipata.
Spacca er minuto, ar primo chiaro ‘n cielo,
pare che c’ha la sveja sotto ar culo.
E chi se lo scorda er compleanno tuo
“Comprami un cagnolino amore mio!
Gli starò dietro, hai la parola mia!”
Sei stata dietro a li mortaccia tua.
Da quanno ‘st’animale s’e accasato
nun ho dormito otto ore de filato
e si consideramo che c’ha ‘n anno
secondo te quanno ripijio sonno?
Fra dieci, dodic’anni, quanno more?
E ner frattempo dovrei pure core?
No, prima de fa’ sta fine io t’ammollo,
che c’hai ‘n gelone ar posto der cervello?
Me casca ‘n po’ de cenere per tera
e in du’ minuti fai scoppià la guera.
Vomita er cane sopra li cuscini,
“Povero amore, ha male agli intestini!”
“Che cosa avrà mangiato giù al viale?”
Le palle de mi’ nonno cor caviale!
Io che ne so che magna st ‘imbecille,
e che me frega a me si c’ha le bolle!
Me frega più che da quasi ‘n annetto
me chiamano “Er frocione cor cagnetto”.
Co’ tutti quei riccetti, quer nastrino,
quer nome che j’hai dato: “Piercarlino”
Ma poi chiamallo un cane “Piercarlino”
senza fa ‘nsospettì chi t’è vicino?
Co tanti nomi adesso che ce penso,
potevi, che ne so? …chiamallo, “Stronzo”
Come perché? Perché nun c’ha mai sonno,
perché me fa venì sempre l’affanno…
Stronzo perché nun me fa più dormire,
stronzo perché nun caca si nun core…
È lungo un palmo, alto mezzo sordo,
e fa’ casino più de ‘n Sanbernardo!
Ch’è maschio poi c’è ancora d’accertallo,
nun j’ho mai visto l’ombra de ‘n pisello
ne’ fra li peli ‘n mezzo a le gambette
je so spuntate mai due-tre-pallette.
Considera che quanno l’ho comprato
lo odiavo già e nun me so interessato.
Hai fatto tutto te; “Com’è carino…
è maschio! … Lo chiamiamo Piercarlino!”
“Sono la tua mammina, Piercarlino
e questo qui sarà sarà il tuo paparino,
caro il mio cagnolino … che bel pelo…”
E paparino, ce l’ha avuto ‘n culo!
Giù ar viale, pe’ accertamme der suo sesso,
je stavo a mette ‘n po’ le mani addosso;
me sento sfotte’ da ‘n amico mio:
“Je voi da’ ‘n bacio! Te lo reggo io!”
Capito come me so’ sputtanato?
Mo pure frocio! E no, me ‘so stufato,
domani notte me ne resto a letto
er cane se cacasse pure sotto!
Pisciasse sui divani ner salotto,
svejasse quelli dell’interno 8,
morisse de cimuro tutt’a ‘n botto.
Mica posso annà avanti a fa’ ‘sta vita!
Ecco la morte, la porpetta avvelenata!
Queste so’ idee ma tocca realizzalle,
‘sto zozzo me lo levo dalle palle.
Già piagni eh, sei distrutta dar dolore?
Te immagini si Piercarlino more?
Carma, ma la porpetta s’ha da fare
perché si tu voi er cane ar posto mio
me faccio ‘n culo e me la magno io.

Franco Califano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...